"Ma se Masè", la nuova associazione culturale si presenta e organizza la prima iniziativa, ospite Giuseppe Truini

Ancora una associazione nasce ad Amaseno, un sodalizio culturale che vede la luce grazie all'impegno di alcuni giovani, già messisi in mostra in occasione delle ultime elezioni comunali. Memori di quell'esperienza, evidentemente preziosa nonostante l'esito negativo ed impietoso delle urne, hanno deciso di rimettersi in gioco e dato vita a "Ma se Masè", un calembour che gioca tra i dubbi e il nome tronco del paese, come viene familiarmente nominato nei discorsi tra amici in dialetto. Apparso come gruppo pochi giorni fa sul celebre social network Facebook, sembrava il solito esperimento destinato a rimanere sospeso tra le pieghe della rete, senza uno scopo né un indirizzo precisi. Invece, ad appagare la curiosità di quanti già si domandavano cosa fosse e da chi fosse gestito questo gruppo, e con quali finalità, arriva la notizia ufficiale della presentazione dell'associazione, contestualmente al primo evento organizzato. L'appuntamento è fissato per Venerdì 11 Ottobre alle 18 presso la Sala Parrocchiale: la presentazione sarà seguita dall'incontro con Giuseppe Truini che nell'occasione presenterà il suo romanzo d'esordio "Se domani si vive o si muore", già apprezzato a livello nazionale da pubblico e critica. Dopo aver portato il proprio lavoro in giro per l'Italia, in decine di incontri con operatori e appassionati di letteratura, finalmente l'autore amasenese avrà modo di dialogare direttamente col pubblico dei propri concittadini, grazie alla lodevole iniziativa della neonata associazione.
Lavoro da fare ce n'è, e questo primo appuntamento lascia ben sperare per il futuro. Il buongiorno si vede dal mattino, recita un detto popolare, e i prossimi mesi diranno se "Ma se Masè" riuscirà a promuovere un pò di cultura tra i giovani di casa nostra, imprigionati nel deserto di idee e cultura della provincia italiana del XXI° secolo.

Etichette: , , , ,