Il TG3 del Lazio ad Amaseno per il restauro del Trittico Ligneo del XIII° Secolo (video)

Continua ad attrarre l'interesse dei media Amaseno, non più o non solo per il comparto bufalino e la sua splendida mozzarella o per la reliquia del sangue di San Lorenzo
martire, ma anche per l'arte. Sì, avete letto bene: grazie al Museo Civico Diocesano Castri Sanctii Laurenti, voluto fortemente dal sindaco Antonio Como e dall'amministrazione, dal parroco Don Italo Cardarilli supportato dalla Diocesi e dal vescovo Spreafico, dall'architetta Martinella Bravo e dai semplici cittadini o dalle associazioni come Cultores Artium, Amaseno sta diventando un centro importante anche per le sue opere d'arte custodite da secoli.
Il museo è servito per la raccolta e la valorizzazione di queste opere, finalmente esposte al pubblico in un ambiente ideale, ed ha consentito una presa di coscienza e una crescita culturale dell'intera popolazione impensabili fino a qualche anno fa.
Proprio con queste premesse gli scorsi giorni una troupe del TG 3 regionale si è recata presso il museo per una panoramica sulle opere d'arte che è possibile ammirare, con particolare riferimento al Trittico Ligneo del XIII° Secolo, uno dei gioielli custoditi nel museo amasenese. A fare gli onori di casa l'architetta Martinella Bravo, responsabile della struttura, che ha illustrato le fasi del restauro dell'opera trafugata da ignoti nel 1977 e successivamente recuperata.
A seguire il video del servizio andato in onda nell'edizione delle 19,30 del TG3 Lazio del 24 Luglio scorso.

Etichette: , , , , , , ,